Francesco Sonetti

torna alle Mostre Perugia 2012

Spuren

Il percorso che la carta e il cartone compiono, dal loro utilizzo quotidiano al processo di raccolta e al successivo stoccaggio, inizia con il conferimento alle piattaforme di convogliamento del materiale proveniente da raccolta differenziata.

Il progetto Spuren propone la rappresentazione dei rifiuti e delle persone che quotidianamente vi hanno a che fare attraverso uno sguardo distanziato, necessario per comprendere la capacità limitata dell’uomo nei confronti dell’ambiente naturale e per osservare i segni che ci stiamo lasciando alle spalle.

La possibilità di questa prospettiva differenziata è resa possibile dall’attività della Cooperativa Sociale Giovanile di Lavoro che coinvolge non solo i materiali ma soprattutto le persone.  Se, per la carta e il cartone, la finalità è il riciclaggio e un nuovo utilizzo, sul piano umano e sociale, la finalità è quella di favorire l’inserimento nel mondo del lavoro di persone svantaggiate.  Per molti infatti il lavoro quotidiano nella Cooperativa costituisce l’occasione per ritrovare le tracce del proprio percorso umano e dare loro un nuovo e più ricco senso.

 

The journey that paper and cardboard go through, from their daily usage to the collection and storage process starts from the waste management sites. These are the sites where the materials originate, and the separate collection of rubbish end up.

The Spuren project offers, through a detached perspective, the representation of waste and of the people who deal with them on a daily basis. The primary scope of the project is to understand the limited capacity of mankind towards the environment and to look at the signs that we are leaving behind us. 

This diversified perspective was made possible by the activity of Cooperativa Sociale Giovanile di Lavoro which involves not only materials, but above all individuals. If, in the case of paper and cardboard, the final scope is recycling and new usage, at the human and social level, the scope is promoting employment opportunities for disadvantaged people such as the handicapped, mentally impaired, and socially needy individuals. For many years, the daily work at the Cooperativa has represented for these people an opportunity to find the traces of their human journeys and to give them a new and richer sense. 

 

www.francescosonetti.com